Thursday, February 28, 2008

The Small Stakes: concert posters

Nada Surf (Germany) - two color silkscreen 18" x 24"


Death Cab for Cutie (skyline) - three color silkscreen 19" x 25"



Low - two color silkscreen 19" x 25"

Poster creati da Jason Munn per svariati clienti, sopratutto nel mondo della musica.

Tutti serigrafati, hanno tracce dello stile dei poster per concerti rock degli Heads of the State, anche loro della West Coast americana: bilanciati collage d'immagini su sfondi in tinte piatte, con interpretazioni a volte metaforiche, comiche o decisamente inaspettate.

Se volete se possono acquistare online nello poster shop (ma molti sono esauriti).

Tuesday, February 26, 2008

Manga + Art Nouveau: Audrey Kawasaki

Audrey Kawasaki è l'autrice di queste opere che sono definite innocenti ed erotiche, con influenze di manga e Art Nouveau (anche se lei sul suo blog dice di non essere così interessata ai manga), quasi sempre dipinte su legno.
Recentemente sono state esposte alla galleria Copronason e vendute tutte prima che la mostra aprisse al pubblico.

Ma secondo me la parte più interessante è il blog dell'artista, dove attraverso i post si può seguire il processo dietro la creazione di molti di questi disegni.

Merita una visita non soltanto perché permette di sbirciare il suo mondo, ma anche perché ci sono un sacco di cose che la Kawasaki scova nei libri, o sui film che li sono piaciuti, o artisti che ammira, e che sono difficili da trovare altrove.

Per esempio immagini come queste:





Sono tratte da Tekkon Kinkreet (o meglio dal libro sul film) un film di anime diretto da Michael Arias.

Trovato via designiskinky

Friday, February 22, 2008

Art and Design / Art vs. Design

Due link che parlano sullo stesso tema (il design: è arte oppure no?) ma sembra che arrivino a conclusioni diverse, o forse no.

Design Is Not Art: Functional Objects From Donald Judd to Rachel Whiteread : un articolo sul New York Times (del 2004) che parla dell'allestimento del Cooper-Hewitt National Design Museum dedicato a "oggetti funzionali o semifunzionali (cioè sedie, tavoli, lampade, eccetera) creati da visual artists" ma che secondo l'articolo - nonostante il titolo della suddetta mostra - si rifiuta di prendere posizione nel "dibattito".

Gli artisti sono una ventina fra i quali Rachel Whiteread, Isamu Noguchi, Robert Rauschenberg, Sol LeWitt, Jorge Pardo, Donald Judd.

Donald Judd - Desk with two chairs #97
Color fin plywood. Collection of Judd Foundation


Dorothy and Herbert Vogel Collection

Poiché il Museo Cooper-Hewitt ha un favoloso website è possibile ancora trovare il site dedicato alla mostra per ammirare alcuni degli oggetti esposti e leggere sulle motivazioni di ogni artista dietro le loro creazioni.



Treating Design as Art: è un video della conferenza di Paola Antonelli, design curator del MoMA New York, al TED2007.

Secondo la sua bio lei è determinata a celebrare la presenza del design in ogni aspetto delle nostre vite.



Tags: ,

Wednesday, February 20, 2008

Monday, February 18, 2008

Alex Dodge: riflessioni sull'uomo tecnologico


Intelligent Design è il titolo della mostra di Alex Dodge che si terrà nella Klaus von Nichtssagend Gallery , (Brooklyn, NY), dove fra una serie di quadri e disegni su carta si trova questa floor sculpture.

Scultura composta di parti in silicone, capelli artificiali, cavi, ecc (include pezzi che rappresentano 50 anni di sviluppi tecnologici), con essa l'artista riflette non solo sulle potenziali - macabre - conseguenze del progresso tecnologico ma anche sulla intrinsecità della relazione uomo-tecnologia.



Alex Dodge, Study for Intelligent Design, 2008
silicon rubber, insulated wire, typewriter parts, bicycle parts, computer components, fiber optic filament, nylon filament, shredded documents, shredded compact discs, Kevlar, Nextel, graphite, Christmas lights, ethernet cable, garbage bags
Dimensions variable


Il volto in silicone che appare sul poster è modellato sulle fattezze dell'artista.

Trovato via designboom

Friday, February 15, 2008

Altri toys fai da te: Paper Critters


Se vi piacciono i paper toys come quelli di Readymech allora vi potete divertire sul sito Paper Critters, una applicazione online creata da JB Fabito come final project (tesi di laurea?) universitario.

Con una bella semplice interfaccia e la base per i pupazzi cartacei già impostata, si comincia subito a creare mostriciattoli che dopo passano a formar parte della Colony, ovvero la galleria. Se i risultati sono decenti si possono anche condividere o stampare.

Nel caso che il vostro weekend sia grigio e piovigginoso...

Trovato via sensoryimpact

Friday, February 08, 2008

Adv: Madre + Torte = Exquisita


Sábado a la tarde - Exquisita - Madre Buenos Aires - 2007

Questo video è una pubblicità per Exquisita, le torte pronte che per tantissimi argentini da decenni è sinonimo d'infanzia, compleanni e giorni e momenti lieti.

Posto questa pubblicità non solo perché mi sembra fatta bene, nel senso che cattura meravigliosamente il significato di questo prodotto nella vita dei bimbi argentini (il sabato non si va a scuola, la mamma o la nonna hanno un po' più di tempo libero per fare una torta, ecc. ) ma perché ogni volta che la guardo mi mette di buon umore: i costumi sono bellissimi, lo squalo che balla la breakdance, la storia delle due strade Moldes y Hornos (che sarebbero più o meno forme e forni ed esistono veramente) che si incontrano il sabato, l'atmosfera di festa e carnevale...

Però neanche qui manca l'accusa di "ahh maledetto impostore hai copiato!!", in questo caso il video originale di Architecture in Helsinki


Architecture in Helsinki - Do the Whirlwind

L'agenzia è Madre Buenos Aires e in loro difesa dico che al meno hanno fatto combaciare perfettamente prodotto, concetto, musica e fattura.

Adesso voglio fare il whirlwind mentre mangio torta...

Tuesday, February 05, 2008

BIC + foto: arte dalla banalità


Juan Francisco Casas è un 'altro artista che come Russ Mills ha scelto la penna BIC come strumento espressivo ma con uno stile assolutamente diverso.

Partendo da fotografie normalissime - e molte anche banalissime - Casas "ridisegna" opere fotorealistiche monocromatiche utilizzando penne blu e nere quasi sempre su carta bianca e in piccoli formati (ma, secondo la foto sopra, forse adesso ha deciso di esprimersi in spazi più ampi.)

Delle opere policrome si trovano quando lascia la BIC e passa all'olio su tela. Ed è qui che la tecnica fotorealistica "si spiega in tutto il suo splendore" ;)


Come vedrete i soggetti dei suoi quadri vanno delle foto stile "facciamo facce - facciamo i cretini" fino agli scatti di nudi e ritratti con allusioni sessuali.


Non lo so perché ma tutte le opere mi provocano un leggero sconforto...

Un sacco di altre opere li trovate su MySpace.

Trovato via wemadethis